Degustazione e Skarrozzata, ed è di nuovo un successo.

La degustazione è ancora più buona quando possono partecipare davvero tutti. È stato un pomeriggio intenso di divertimento e di gusto, quello trascorso alla cantina Zymè, in occasione della Skarrozzata, percorso enogastronomico organizzato da UsAcli Verona, e giunto quest’anno già alla sua terza puntata presso le aziende veronesi che si distinguono per l’alta qualità dei prodotti e per l’attenzione costante all’accessibilità. Questa volta, per riflettere e far riflettere sull’importanza di una società senza barriere, si è scelto lo scenario di un’affascinante struttura a San Pietro in Cariano, nel cuore della Valpolicella, scavata nella roccia viva, utilizzata un tempo come deposito di una falegnameria. La ristrutturazione è stata studiata per mantenere la roccia viva a vista: oltre a essere di grande fascino, la sua funzione è quella di ricreare il clima perfetto per il vino mantenendo un costante livello di umidità.

Gran parte della cantina è totalmente accessibile a persone con disabilità: ci sono delle rampe che permettono di raggiungere il piano inferiore, e poi un bellissimo ascensore che collega in assoluta comodità anche le altre parti della struttura. Come sempre durante le Skarrozzate c’è stata la possibilità, per tutti, di vivere sulla propria pelle le difficoltà di chi si muove sulle quattro ruote, sedendosi a bordo delle sedie a rotelle messe a disposizione dagli organizzatori: si tratta di un’occasione importante per riflettere mettendosi nei panni dell’altro, prendendo maggiore coscienza, per qualche ora, degli ostacoli spesso ancora troppo numerosi. E dopo la visita i partecipanti, provenienti da diverse città d’Italia e accompagnati anche da due cani, si sono goduti una degustazione di 5 vini con taglieri di salumi e formaggi, scoprendo i prodotti di eccellenza di Zymè. Eventi come questo sono un fiore all’occhiello per Us Acli, che insiste su un’idea di sport che sia anche cultura, inclusione, accettazione delle diversità, conoscenza ed eliminazione delle barriere.

Nordic walking, al via il nuovo anno associativo

Il nordic walking è diffuso in moltissimi paesi in tutto il mondo ed è particolarmente amato in Scandinavia e nell’Europa centrale. In Italia, specialmente negli ultimi anni, sta godendo di una costante e rapida crescita in termini di popolarità. Si tratta di una disciplina sportiva che si pratica utilizzando due bastoncini simili a quelli dello sci di fondo, e che permette di camminare muovendo tantissimi muscoli del corpo.

Il nuovo anno associativo di UsAcli di Verona si apre proprio con tre giornate dedicate a questa disciplina, con la collaborazione di Lince Verona ASD, la Polisportiva Eventday ASD e il patrocinio del Comune di Verona e dell’assessorato allo sport nella figura di Filippo Rando. Si inizia domenica 9 settembre con la manifestazione, dedicata a chi già pratica Nordic Walking, “Castel Nordic Montorio”: una camminata ludico-motoria di 9 Km sulle colline di Montorio (VR). La partenza è prevista per le ore 9.15 (inizio iscrizioni dalle ore 8.00) dal Piazzale Chiesa S. Maria Assunta (“Chiesa Vecchia”).

Domenica 23 settembre e domenica 21 ottobre invece, dalle 9 alle 12, si terrà la 2° edizione dell’iniziativa “Nordic Walking – Training Day”. Nel corso degli eventi verrà data a tutti gli interessati la possibilità di provare la disciplina nella splendida cornice di Lungadige Attiraglio (lato dell’entrata del Pronto soccorso dell’ospedale di Borgo Trento) che, chiuso al traffico, sarà punto di partenza e arrivo della manifestazione. I partecipanti saranno divisi in piccoli gruppi in base all’orario di arrivo e avranno partenze cadenzate, accompagnati da uno o più istruttori. Nel corso delle manifestazioni sarà attivo un punto ristoro per i partecipanti.

“Conoscevo il nordic walking perché frequentando l’Alto Adige ho sempre visto persone, soprattutto stranieri, che camminavano con l’aiuto dei bastoncini”, spiega Giuseppe Biasi, presidente UsAcli Verona. “Non sapevo che fossero anche uno strumento sofisticato e di grande perfezione: regolabili, ergonomici e funzionali alla camminata. Praticando questo sport si muovono il 90% dei muscoli del corpo umano, e il nordic walking è infatti conosciuto come una disciplina sportiva tra le più complete, raccomandate quindi a persone di tutte le età”.